SESSIONI 25 Ottobre PM

Pagina

14.00 – 15.30 SESSIONE PLENARIA 3

La medication review del farmacista clinico nel paziente geriatrico

Moderatori: Giulia Dusi

In letteratura è ampiamente dimostrato come con l’aumento del numero dei farmaci assunti crescono anche le interazioni, gli effetti avversi e gli accessi non programmati al Pronto Soccorso.

Si parla sempre più spesso di de – prescribing, di criteri di Beers o di STOPP che mirano ad individuare farmaci potenzialmente inappropriati in questa fascia di popolazione.

Anche studi a livello italiano hanno dimostrato, applicando i criteri americani o irlandesi, come la percentuale di farmaci potenzialmente inappropriati nell’anziano non siano irrilevanti e come ci siano ampi margini di miglioramento.

Ma la vera domanda è: è veramente possibile e realizzabile, non solo auspicabile, ridurre il numero dei farmaci nelle persone anziane?

Questa sessione cerca di rispondere a questo quesito invitando chi ha creato strumenti per individuare molecole il cui uso non sarebbe consigliabile nel paziente geriatrico e portando l’esperienza di chi ha veramente realizzato nella sua realtà il processo di riconciliazione e revisione della terapia farmacologica portando ad una ottimizzazione delle terapie prescritte.

Si analizzerà anche il ruolo può avere il farmacista ospedaliero e territoriale nel supportare e/o favorire la decisione di clinici verso il de- prescribing.

 

  • CONTRIBUTO ABSTRACT

 

15.45 – 17.15 SESSIONE PLENARIA 4

La tracciabilità di farmaci e dispositivi medici: dal processo di registrazione del dato alla personalizzazione della terapia

Moderatori: Angelo Palozzo

Nel SSN italiano la tracciabilità di alcune informazioni amministrative sono mediamente ben rappresentate, anche per rispondere a chiare indicazioni del MEF e del MinSal. I dati raccolti sono convogliati in flussi informativi da applicativi logistici (movimenti di magazzino) e da programmi che gestiscono prestazioni, DRG e compensazione economica fra aziende. I programmi di cartella clinica e le prescrizioni elettroniche assistite sono ancora poco rappresentate negli ospedali e ancor meno raccordati con flussi territoriali o con i PDTA. Anche dove presenti, i data set, function set e output set sono disomogenei e non adatti ad estrarre dati sanitari di valenza epidemiologica, o ad un uso nella quotidianità che preveda una loro interconnessione a valenza clinica. La tracciabilità dei passaggi sanitari va perseguita sia per rendere omogenee e confrontabili le informazioni, sia per raccogliere, in dose unitaria / singolo paziente, le informazioni utili a migliorare il suo stato di salute, che siano esse trattamenti farmacologici, uso di dispositivi medici di alto rischio o diagnostica.

L’applicazione della farmacia clinica aiuta, nei team multidisciplinari, a razionalizzare la prescrizione, l’erogazione, la somministrazione e la tracciatura dei dati, con un contributo attivo nella sicurezza e per l’esito dei trattamenti.

In questo percorso, il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) si presenta come uno degli strumenti di input-output dei dati con un impatto nella diagnostica e la cura dei pazienti e potrà veicolare, attraverso la farmacogenomica, la medicina personalizzata.

L’obiettivo della sessione è quello di identificare modelli organizzativi e tecnologici che siano in grado di garantire sicurezza ed efficacia dei trattamenti sia negli ospedali del SSN sia nel loro rapporto con il territorio.

  • CONTRIBUTO ABSTRACT

 

17.30 – 19.30 ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...